IL PREMIO COMUNI RICICLONI

IL PREMIO COMUNI RICICLONI

Appuntamento a Guastalla il prossimo 31 ottobre per una mattinata di approfondimento sulla corretta gestione dei rifiuti in Emilia-Romagna cui seguirà la premiazione dei Comuni Ricicloni della regione.

 

Ogni anno Legambiente premia le comunità locali, amministratori e cittadini, che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti: raccolte differenziate avviate a riciclaggio, ma anche acquisti di beni, opere e servizi, che abbiano valorizzato i materiali recuperati da raccolta differenziata.

Verrà, dunque, presentato il rapporto annuale sulle migliori performance dei Comuni nella gestione dei rifiuti.  Una competizione tutta positiva verso l’obiettivo “Comuni Rifiuti Free”.

Trenta in più rispetto allo scorso anno. I Comuni Rifiuti Free, dove ogni cittadino produce al massimo 75 chili di secco residuo all’anno, sono ben 547 (505 nel 2018), grazie soprattutto alla crescita in Trentino Alto Adige (+25), Emilia Romagna (+11), Veneto (+10, che si conferma la regione con il numero più elevato di Comuni rifiuti free) e Piemonte (+10).

 

Ecco i numeri principali di Comuni Ricicloni 2019

 

La versione integrale del rapporto Comuni Ricicloni è consultabile su 

www.ricicloni.it/dossier

 

L’area del Nord-Est si conferma come la più virtuosa (con 294 Comuni Rifiuti Free su 547 totali) grazie a un sistema di raccolta e gestione efficace basato, nella maggior parte dei casi, su sistemi consortili, raccolta porta a porta e tariffazione puntuale.

Il 77% dei comuni Rifiuti Free (pari a 421) si trova al Nord, l’8% (pari a 42) al Centro e il 15% (84) al Sud, confermando una situazione abbastanza stabile e senza variazioni significative soprattutto nelle regioni del centro-sud Italia.

Tra i capoluoghi di provincia sono solo 3 le città che rientrano nei parametri dei Comuni Rifiuti Free: Treviso, Pordenone e Belluno. Tra i Comuni non capoluogo più grandi ci sono invece Carpi (71mila abitanti) ed Empoli (53mila abitanti).